PORTA CHIUSA. SI PREGA DI NON BUSSARE 😉

A volte le persone bussano alla tua porta solo per vedere se le fai entrare.
Non sono veramente interessate a te, ma hanno bisogno di continue conferme, e si nutrono della tua attenzione.
Non sanno andare via dai luoghi tossici delle loro finte sicurezze, e in qualche modo devono respirare.
Spesso tu apri quella porta per la stessa ragione: il fatto che qualcuno bussi, ti fa sentire importante.
Dopo l’esplosione di emozioni e illusioni, scopri che non c’era nessuno, e ti senti ferita, delusa.
Richiudi la porta e giuri che non la aprirai più.
Ma appena ribussano, corri a vedere se qualcosa è cambiato.
Hai bisogno di crederci, esattamente come la persona che torna a bussare, e gioca con le tue emozioni perché non sa sentire le proprie.
È un gioco di specchi, dove non c’è vittima né carnefice, ma solo due anime che si sono date appuntamento per evolvere.
È un gioco diffuso, negli ultimi anni più che mai.
Raramente, entrambi trovano il coraggio di restare l’uno accanto all’altra per crescere insieme.
Il più delle volte, a un certo punto, uno dei due si stanca di bussare o di aprire la porta.
E magari cambia la porta, ma non il gioco.
A volte ritorna, ma mai per rimanere.
Li sentirai chiamare “narcisisti”, ma se alla tua porta bussa un narcisista, significa che è stato attirato dal tuo stesso nucleo narcisista.
Tutti abbiamo quella parte, e attiriamo qualcuno che ce la mostra in modo chiaro proprio per riconoscerla e guarirla.
Di solito, solo uno dei due riesce a imparare qualcosa di sé.
E di solito, con qualche eccezione, è la polarità femminile che impara.
Impara a non aprire più quella porta.
A non aspettare più che qualcuno le dia quello che non ha avuto da bambina.
Impara a dare lei stessa a quella bambina tutto quello che le è mancato.
Ogni tanto avrà nostalgia dell’illusione e dell’emozione che si presentavano a quella porta, e sbircerà ancora in attesa di un miracolo.
Ma certe anime non sanno vibrare.
Certe anime arrivano solo a insegnarti a chi non aprire la porta.
E bussano, e poi si dileguano, e poi bussano ancora per dileguarsi di nuovo, fino a quando non ti spaccano il cuore.
Vai oltre la paura, e guarda bene cosa c’è tra le macerie del tuo cuore a pezzi.
Ti basterà riconoscere il dolore, e accoglierlo un po’ di più a ogni passo.
Quel dolore ti rende bisognosa dell’attenzione che cerchi ovunque.
Un giorno lo ringrazierai, e si trasformerà, e ti trasformerà.
E non aspetterai più che qualcuno bussi alla tua porta per salvarti.
RobertaT alias 💫 𝖑𝖆 𝖋𝖆𝖙𝖆𝖙𝖚𝖗𝖈𝖎𝖓𝖆💫